Ferite

Ferite

L’aumento di ossigeno nel sangue ottenuto grazie alla camera iperbarica è antinfiammatorio, stimola la formazione di nuovi vasi sanguigni, stimola le cellule che producono collagene, stimola la liberazione delle cellule madre e aumenta l’attività battericida dei globuli bianchi. Tutti questi effetti favoriscono il processo di cicatrizzazione e di riparazione delle ferite prodotte dall’insufficienza venosa e circolatoria.

Le ferite ulcerose arteriali e venose o diabetiche sono molto difficili da cicatrizzare, poiché uno dei loro effetti è la mancanza di circolazione periferica (nella pelle) o angiopatia periferica che impedisce la corretta irrorazione nell’area affetta e necessaria affinché il processo di cicatrizzazione venga realizzato adeguatamente. La terapia con camera iperbarica genera una forte iperossia e la maggior disponibilità di ossigeno nei tessuti inizia il processo di angiogenesi o formazione di nuovi vasi sanguigni che sono il principio del processo di cicatrizzazione.

  • Ulcere
  • Piede diabetico
  • Piaghe da decubito
  • Ustioni
  • Trapianti
  • Piaghe da decubito
  • Ferite post-chirurgiche
  • Sindrome di Fournier

Invia la tua richiesta

Seleziona la patologia: